Lotta allo spreco di cibo

Cosa fare in concreto per sprecare meno cibo? Ecco qualche consiglio per attivarci in prima persona nella lotta allo spreco.
Fare la spesa dei prodotti freschi più volte a settimana così da avere il tempo per consumarli senza doverli conservare a lungo in frigo. Leggere sempre le etichette di ogni prodotto, ricordando che “da consumare entro il” rappresenta il limite oltre il quale il prodotto non deve essere consumato, mentre “da consumare preferibilmente entro il…” indica che il prodotto, oltre la data riportata, potrebbe essere consumato senza rischi per la salute, ovviamente se è integro e ben conservato. Con alimenti freschi o surgelati fare attenzione a non interrompere la catena del freddo nel trasporto a casa ed infine, una volta a casa, sistemare correttamente i prodotti nel frigorifero: frutta e verdura negli appositi cassetti oppure nei ripiani alti dove la temperatura è un pochino più alta, insieme ad affettati e formaggi; pesce e carne cruda al primo piano. E a tavola? Preferire porzioni piccole e magari fare il bis, piuttosto che lasciare qualcosa nel piatto, che andrebbe certamente buttato. Infine scateniamo la fantasia per cucinare con gli avanzi: sono davvero tanti i modi in cui si possono riproporre fette d’arrosto, di lesso o di pesce (polpette e polpettone), verdure (vellutate, ripieni di vario genere), pasta (la squisita frittata di maccheroni) e riso (arancini, riso saltato al burro), pane (torta di panelatte, pappa al pomodoro) e così via.