Unicomm contro lo spreco di cibo

Spreco di cibo, convenzione tra Unicomm e la cooperativa Verlata Lavoro. I fratelli Cestaro: “Grande attenzione verso chi ha più bisogno”

30 tonnellate di prodotti freschi raccolti in un anno, 1000 kg di prodotti secchi, punti vendita interessati, 1 cooperativa che si occupa della raccolta e sette tra associazioni di volontariato e realtà solidaristiche di diversa natura che seguono la distribuzione. Sono i numeri che illustrano i risultati della convenzione stipulata più di un anno fa, per la precisione il 1 luglio del 2015, tra Unicomm srl e la cooperativa Verlata Lavoro, per la raccolta delle eccedenze alimentari da destinare alle persone bisognose e alle famiglie in difficoltà del territorio vicentino. 

Nello specifico, l’accordo firmato tra Unicomm e cooperativa Verlata Lavoro, prevede che le eccedenze alimentari e gli altri beni di largo e generale consumo (come, ad esempio, pannolini, carta igienica, detersivi per uso personale e non) prodotti dai quattro supermercati coinvolti nell’attivitàvengano raccolti e distribuiti tramite le associazioni di volontariato alle persone indigenti della provincia di Vicenza. I punti vendita oggetto dell’iniziativa sono distribuiti in diverse aree del vicentino: l’Emisfero del Centro Commerciale Palladio di Vicenza, quelli di Bassano del Grappa e di Zané, e il Famila di Creazzo.  

Un accordo che si somma a quanto il Gruppo Unicomm sta già facendo da anni in altri territori in cui opera, grazie alla disponibilità di associazioni e cooperative: tra le collaborazioni storiche vanno certamente ricordate quella con la onlus San Vincenzo de’ Paoli a Vittorio Veneto e con la cooperativa Trieste Recupera nel capoluogo giuliano. 

Il Gruppo Unicomm è una delle più importanti aziende italiane della grande distribuzione, con oltre due miliardi di fatturato e più di 7.000 dipendenti. È presente in Veneto attraverso le insegne A&O, Famila, Emisfero, Mega e Cash and Carry

La cooperativa sociale Verlata Lavoro, con sede a Villaverla, da sempre sensibile alle tematiche ambientali e del consumo consapevole, ha introdotto in provincia di Vicenza il progetto R.E.B.U.S. (Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente) già promosso in altre province italiane dalle ACLI di Verona. L’iniziativa si propone il recupero del prodotto invenduto di produttori ed esercizi commerciali, riducendo lo spreco e trasformandolo in risorsa di solidarietà nei confronti di chi ne ha necessità.

Le realtà coinvolte nel progetto sono le Caritas di Vicenza-S.Lazzaro (che fornisce le derrate alimentari a 90 famiglie), di Schio centro (30 famiglie servite) e di Villaverla (15 famiglie), l’associazione Vie di Luce onlus (60 famiglie nel territorio del thienese), molteplici associazioni del comune di Santorso coordinate dai Servizi Sociali del Comune (50 famiglie), la cooperativa Comunità Servizi (che gestisce appartamenti di semiautonomia per disabili) e i Frati Cappuccini di Thiene (che servono pasti a più di 30 persone al giorno).

Le eccedenze alimentari recuperate dalla cooperativa Verlata Lavoro presso gli Emisfero e il Familasono costituite in prevalenza da latticini a breve scadenza (latte, yogurt e formaggi), affettati, pasta fresca, frutta e verdura. I beni vengono trasportati nel rispetto della “catena del freddo” fino alla sede della cooperativa. Qui vengono consegnati all’associazione che, quel giorno, si occupa della distribuzione.

Insieme a questa raccolta, che comprende i cosiddetti “freschi”, è previsto il prelievo occasionale di alimenti secchi non vendibili presso la GDO. Si tratta di prodotti con confezione danneggiata, ma comunque perfettamente salubri, di caffè, farina, zucchero e pasta. In questo caso il ritiro avviene presso la sede centrale del Gruppo Unicomm, sita a Dueville, nelle vicinanze del casello autostradale. 

Quella con Unicomm è una collaborazione davvero fondamentale, che ci ha consentito di fare un salto di qualità importante nella raccolta di generi alimentari a favore di chi ne ha più bisogno – dichiara Giuseppe Barichello, presidente di Verlata Lavoro – Basti pensare che delle 53 tonnellate di eccedenze raccolte quest’anno ben 30 sono frutto di questa convenzione: siamo stati i primi ad ‘importare’ il progetto REBUS in provincia di Vicenza ed è una grande gioia vedere come sta crescendo e ci sta consentendo di aiutare sempre più persone”. 

Per noi l’esperienza con Verlata è davvero straordinaria, tanto che vorremmo allargarla ad altri nostri punti vendita in provincia di Vicenza – spiegano i fratelli Marcello e Mario Cestarotitolari diUnicomm – La nostra azienda si è sempre distinta per una grande attenzione verso chi ha più bisogno. Con l’attività di recupero delle eccedenze alimentari riusciamo a ottenere contemporaneamente due risultati importanti: aiutare chi è in difficoltà ed evitare di sprecare il cibo, pratica che risulta sempre più intollerabile in anni di crisi come questi”.